digital, nikon d7000

Grande madre Russia: Pietroburgo vol. 1

Pietroburgo

Ho iniziato con una Zenit 122 e le prime fotocamere che ho collezionato erano russe. Ho apprezzato e apprezzo tutt’oggi la capacità che hanno avuto i russi di copiare e riproporre in maniera spesso bizzarra i grandi marchi come Contax, Hasselblad, Leica dall’altra parte della cortina.
Questa piccola premessa solo per dire che da tempo amo le scritte in cirillico sulle ottiche e sui massicci corpi macchina in metallo.

Pietroburgo

Ho fantasticato parecchio su un viaggio in Russia e ho scelto come prima meta la città di San Pietroburgo, a detta di molti la più europea.
Per questo viaggio tre fotocamere: Nikon d7000, Rolleiflex T e, ça va sans dire, la sovietica KMZ Horizont.  Questi sono gli scatti in digitale.

Pietroburgo

San Pietroburgo è una delle metropoli più a nord del mondo, con circa 5 milioni di abitanti, nonché la seconda città russa per importanza dopo Mosca.
A parte questi freddi dati da wikipedia la cosa che mi ha affascinato di più è stata la convivenza al suo interno di elementi storici, architettonici e culturali profondamente in contrasto tra loro che la rendono estremamente singolare.

Pietroburgo

C’è la San Pietroburgo degli Zar, dell’Hermitage e di Carskoe Selo, c’è la Leningrado  della rivoluzione d’Ottobre e del KGB e la San Pietroburgo contemporanea più occidentale e turistica. Neanche a farlo apposta le figure più ricorrenti sono Puskin, Lenin e Putin (quest’ultimo sopratutto nelle bancarelle).

La zona più centrale è quella legata agli zar: colori pastello, palazzi affacciati sulla Neva e giardini attraversati da canali d’acqua.  Proprio per via di questi canali viene spesso paragonata ad Amsterdam.

Pietroburgo

Le periferie si espandono velocemente secondo una logica estetica a me ignota, palazzi gialli e neri a strisce diagonali con finestre ellittiche affiancati da gruppi di grattacieli grigi. In tutta la città si incontrano icone occidentali come Mc Donald’s o Burger King,  ma con le insegne in cirillico.

Pietroburgo

Pietroburgo

I souvenir sono gli stessi di ovunque tranne che per la monotematicità del soggetto: Putin ovunque. Ho esitato davanti alle matrioske con i leader comunisti uno dentro l’altro ma nulla ho potuto davanti alla tazza con Putin che cavalca un orso, e l’ho comprata.

Pietroburgo

Le tracce del periodo soviet sono disseminate un po’ dappertutto, statue e facce di Lenin in metro e per strada ricordano che “Lenin was here”. Uno dei palazzi in tema che mi ha più colpito si trova in piazza Moskovskaja ed è la casa dei Soviet.

Pietroburgo

Fine primo tempo.

Standard

8 thoughts on “Grande madre Russia: Pietroburgo vol. 1

  1. Pingback: San Pietroburgo, la selezione Norris – Webb | Interno in bakelite

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...