film, monofotografico, rolleiflex Automat

Post monofotografico n°24

roma-1

Sempre su pellicola Kodak, questa volta la Ektar 100. Sempre una Rolleiflex, questa volta la Automat. Sempre per strada, questa volta Roma.

//

Another photo on Kodak film, this time on Ektar 100. Another shoot on Rolleiflex, this time the Automat. Always street photography but this time in Rome.

Annunci
Standard
film, rolleiflex T

Le strade di Cannes

cannes-3

Circa un mese fa sono stato di nuovo a Cannes per il Festival grazie a questo corto e ho portato con me la “quasi” francese Rolleiflex T (“quasi” perchè era importata “d’allemagne”).

cannes-4

//
A month ago I was in Cannes at the Festival thanks to this short and I took with me the “almost” french Rolleiflex T (“almost” because it was imported from “allemagne”).

cannes-5

Una volta tanto ho optato esclusivamente per il colore, altrimenti a questo punto mi sarei mangiato le mani.
Avevo con me 3 Portra 400 che erano nella riserva da un po’ di tempo e mi sono divertito a finirle scattando come se non ci fosse un domani, come se fossero gratis.

cannes-5b

//
This time I choose colors and I made the right choice.
I took three rolls of Portra 400 I stored home for a long time and I had a lot of fun shooting with these, like there’s no tomorrow.

cannes-6

Ad ogni metal detector attraversato arrivava puntuale il commento degli addetti alla sicurezza: “trés jolie!”. Ho fatto quindi la mia figura, posso ritenermi soddisfatto.

cannes-7

//
At every metal detector I heard somene of the security say “trés jolie!” so I am totally satisfied.

cannes-7b

Credo sia la prima volta che la uso per fare street photography in questa maniera: alla cieca e in iperfocale (più facile se è quasi estate e con una 400 iso). Diciamo che un 70% degli scatti di questo post sono fatti cosi.

cannes-9a

//
I think that it was the first time I was using this camera to do street photography this way: shooting randomly calculating hyperfocal distances (easy to do in sunny days with a 400 iso film). Almost 70% of the pictures you see in this post was made this way.

cannes-9b

Appena vedevo qualcosa di rosso scattavo: il rosso rende bene a colori.
A vedere il risultato finito non sono solo i rossi a rendermi felice.
In generale i colori di questa pellicola sono molto saturi in condizioni di sole pieno e il cielo è sempre più blu.

cannes-9c

//
Everytime I saw something red I took a picture: they say red is good in photos.
When I see these pictures I understand that not only reds make me happy.
This film has great saturated colors on sunny days and the skies are amazing.

cannes-10

Dalle foto scattate ho scartato quelle meno interessanti e più banali: il red carpet che veniva srotolato, la torre con la bandierina…e praticamente tutto ciò che riguarda il Festival.
Stavolta solo facce da strada, pure e a colori.

cannes-11

//
I rejected the less interesting photos: some guys unrolling the red carpet, the tower of the city with its flag…and basically everyting strictly related to the Festival. 
This time only street-faces, pure and in full colors.

cannes-12

Standard
bessa R, film

Visto si stampi

stampa-4

Con questo post vi segnalo che da oggi c’è una pagina in più su questo blog: la pagina dedicata alle stampe ai sali d’argento.
Ho deciso di mettere in vendita alcune delle stampe che realizzo in camera oscura e man mano aggiungerò altri scatti tra cui scegliere.
Per ogni stampa è indicata la carta, il rullino e la fotocamera di provenienza.
La foto sopra era inedita sul blog, si tratta di un dettaglio interno della cattedrale di Orvieto, scattata con la Voigtlander Bessa R.

Al primo ordine in regalo una stampa 18x12cm (di una foto diversa).

Standard
film, pinhole

Una pinhole grande formato


Finalmente è terminata, sto pensando al nome da dargli e per adesso sarà semplicemente “la pinhole grande formato di legno”.
Mi è venuta l’idea di costruire una pinhole-camera mentre stavo girando questo documentario su mio zio.

//

Finally we made it, I don’t know how to name this yet but I think “large format pinhole” should be good so far.
I got the idea while making this short documentary about my uncle.


Ho iniziato quindi ad adattare un progetto di Roger Foote (qui trovate un video, purtroppo il suo sito è offline) per ottenere una fotocamera a mio gusto.
Poi per una questione di precisione ho acquistato il pinhole (fa ridere ma è vero) di 0,4 mm dalle Industrie Delamont.

//

I based my project on the Roger Foote pinhole-camera, here you can find his video but unfortunately his personal site is offline.
It sounds funny but I bought a pinhole (I wanted a professional hole) from Industrie Delamont, it’s diameter is 0,4 mm.

Abbiamo lavorato saltuariamente a questo progetto ed è anche stato abbandonato e ricominciato diverse volte, per questo ci sono voluti più di due anni per concluderlo.
Mio zio (il protagonista del documentario) si è raccomandato di non dire in giro che l’ha fatta lui perchè non è soddisfatto del lavoro: le viti a vista  e le finiture  gliel’hanno fatta odiare.

//

We worked on this project occasionally and we stopped and re-started some times so it took almost 2 years to finish it.
My uncle (the main character of my doc) told me not to spread the word that he made this camera, because he’s not satisfied of the final product.

La fotocamera è realizzata interamente in ciliegio, ad eccezione del supporto per il pinhole che è in mogano. Ha due livelle a bolla ed un attacco per il cavalletto.
Usando questo calcolatore è possibile capire che focale si ottiene e qual’è il diametro ottimale del foro della macchina che stiamo progettando.

//

The entire camera has been made from cherry wood, only the pinhole support is mahogany. It has two bubble levels and a tripod attachment.
I used this calculator to get the best diameter and the focal lenght of my pinhole-camera.

Nel mio caso ho un angolo di visione di circa 90° quindi possiamo considerarla grandangolare. Nella progettazione bisogna tener conto che più si allontana il piano della pellicola dal foro più si va verso l’equivalente di un tele. In questo modo ho optato per la compattezza e per una focale che poteva essermi utile nei panorami.

//

In this case I have a 90° angle of view and it means that I’m dealing with a wide-angle camera. During the design process you have to keep in mind that if the distance between the hole and the film increases you’re going to have a tele. I wanted a more compact camera and a focal lenght good for panorama photos.

Lo chassis che vedete in foto è per lastre 4 x 5”, io ho fatto confusione e ho acquistato lastre 9×12 cm quindi poco più piccole. Risolvo il problema fermando con dello scotch da un lato il negativo quando lo carico, una soluzione poco ortodossa ma efficace. La vedrete anche negli scatti sotto.

//

The chassis you see in the images is for 4×5” sheets film negatives but I made a mistake and I bought smaller 9×12 cm sheets. I found an easy solution using a masking tape to stop one side of the sheets, you will see it on the following photos.

Nelle giornate di sole con una pellicola da 100 ISO ho tempi di scatto di 1,5 / 2 secondi, ancora non ho fatto prove in altre situazioni di luce ma credo che sarà difficile valutarle. Confido nella latitudine di posa della pellicola.
Scattare con questa scatola di legno è semplicissimo: si inserisce lo chassis e lo si blocca con quella specie di arco, si toglie il volet tenendo coperto il pinhole e infine si scopre per il tempo desiderato.
Poi procediamo all’inverso: si ricopre il pinhole e si reinserisce la volet, abbiamo messo cosi al sicuro il negativo appena impressionato.

//

With a 100 ISO film, on sunny days, I take pictures with 1,5 / 2 seconds exposures. I don’t know yet how to expose under other lighting situations, I trust in film’s exposure latitude.
Shooting with this box of wood is easy: insert the chassis and stop it with the arc-shaped wood tool, pull out the volet while covering the pinhole then uncover it for the time you need to get a good exposure.
Cover again the pinhole, insert the volet and the negative will be safe from light.

Mi sta affascinando molto il fatto di dover trattare ogni scatto singolarmente: lo sviluppo in bacinella mi fa tornare in mente i libri di Ansel Adams e tutte le tecniche descritte per curare ogni negativo in maniera autonoma.

//

Developing single sheets reminds me of Ansel Adams books and all the techniques he described to get a good negative.

Sopra un ritratto di Francesco, novant’anni compiuti e padre contrariato di questa fotocamera.

//

This is Francesco, he is in his nineties and he’s the father of this camera.

In questi primissimi giorni come potete notare sto puntando quasi esclusivamente sui panorami, perchè è più facile scattarli “alla cieca” e perchè si rischa meno il mosso.

//

In these early days I’m shooting a lot of panoramic pictures: because it’s easier with a no-viewfinder camera and because this avoid moving objects.

Ovviamente la nitidezza della pinhole non è paragonabile a quella di un banco ottico, ma devo dire che le stampe a contatto (le uniche che posso realizzare visti i limiti dei miei ingranditori) sono più che decenti.
Un altro passo verso la lentezza fotografica.

//

The images that comes out from this pinhole-camera are not so sharp, but they’re good for contact prints like these. My enlargers cannot print large format negatives, so I’m forced to do contact prints.
Another step into slow photography.

Standard
film, rolleiflex Automat

La cattedrale

orvieto-2

Fuori e dentro la cattedrale di Orvieto, bellissima ma quasi infotografabile tant’è grande.
Ho parecchi scatti di quel giorno da pubblicare ma questi due secondo me sono una cosa a parte.
Scattate con la Rolleiflex Automat su Kodak Ektar 100.

//

The outside and the inside of Orvieto cathedral, it’s glorious but too big to fit in a picture.
I have a lot of photos from that day but this works like a mini-series to me.
I took these shots with my Rolleiflex Automat on Kodak Ektar 100. 

Standard
beirette, film

Una Beirette nuova di pacca

beirette-6

La penultima volta che sono stato a porta Portese ho trovato un banchetto con delle stupende scatole blu: l’imballo era perfetto con tanto di plastica trasparente che iniziava a cedere al tempo.
In pratica il tizio stava vendendo alcuni esemplari ancora inscatolati di Beirette VSN a 15€.

//

I went to Porta Portese market again and I found a stand which was selling some blu boxes. Mint packages with perfect plastic envelops, only a little aged: these were “brand new” Beirette VSN, sold for 15€.

beirette-1

Incuriosito dalle circostanze ne ho comprata una e tornato a casa ho trovato dentro: custodia rigida, tracolla, gancio per il polso, istruzioni ma soprattutto garanzia italiana fino a settembre 1990!
Chissà se settembre è incluso o meno.

//

I was really curious and I bought one. Inside the box I found: a case, a shoulder strap, a hand strap, instructions and last but not least a full warranty effective until september 1990!
I wonder if september is included or not.

beirette-2

La fotocamera in sé è veramente piccola, ultraleggera ma non da affatto l’idea di essere fragile. Il corpo è in plastica e alluminio.
La casa produttrice non è molto nota, si tratta della Beier, per l’esattezza la “Kamera-Fabrik Woldemar Beier” poi ribattezzata in “VEB Kamerafabrik Freital” nel ’79 (credo sia il motivo di quella sigla KF sulla scatola).
Prodotto nell’allora DDR dagli anni ’70 fino ai ’90, si tratta di un modello particolarmente riuscito.

//

This is a really small camera, it’s lightweight but it doesn’t seem to be fragile. Its body is made of plastic and aluminium.
The company which built it is the not well known Beier, to be more precise its name was “Kamera-Fabrik Woldemar Beier” and was later renamed as “VEB Kamerafabrik Freital” (I think that is the real meaning of the KF logo on the box).
This camera was produced in the so-called DDR from the ’70s until the early ’90s: this was a successful product.

beirette-3

Completamente manuale, ovviamente sprovvista di esposimetro, ha i fantastici “segni meteo” per regolare l’apertura del diaframma e si va dal “sole pieno” =  f22 a “nuvoletta nera” = 2,8.
Si regola tutto nella zona del gruppo ottico, anche i tempi di scatto che sono riportati sulla stessa ghiera dei valori DIN/ASA. In questo caso si va da 1/125 a 1/30 + posa B.

//

It’s a completely manual camera and of course there’s no lightmeter in it. There are some “weather symbols” that indicate the diaphragm values: “sun” means f=22 and “black cloud” means f=2,8.
You can change all the settings near the optics, the shutter time values are on the same ring where the DIN/ASA values are. You can set the time from 1/125 to 1/30 + bulb.

beirette-4

La messa a fuoco va da 0,6 metri a infinito.
Una  fotocamera completa insomma, ha anche l’attacco per il flash! La particolarità è forse nel pulsante di scatto che è nella parte frontale mentre sotto, oltre la bellissima scritta DDR, c’è il pulsante di rilascio per riavvolgere il rullino.

//

You can focus from 0,6 meters to infinity.
A full-optional camera we could say, it also has a hot shoe for the flash!
The shutter release button is in front of the camera, near the lens. On the base of it there’s a DDR embossed sign and the release-rewind knob.

beirette-5

Ecco tre scatti dal primo rullino, i colori sono quelli di una Perutz Primera 100 scaduta da qualche anno. Non è eccelsa in quanto a nitidezza ma è ottima per scattare foto in giro senza pensare (vedi lomografia).

//

Here are some examples from my first roll with this camera.  These colors came out from an expired Perutz Primera 100. If you’re looking for sharpness this is not your camera but if you want to take pictures without thinking too much just buy it (if you can find one). 

beirette-3-3

beirette-1-3

beirette-2-3

Standard