film, horizont, monofotografico, panoramica

Post monofotografico n°20

horizont-1

Ho ripescato questa foto ormai vecchia, stiamo parlando del 2011 che tradotto nelle mie ere fotografiche è la preistoria. Non è particolarmente interessante, ma mi ha fatto tornare in mente la bellissima Horizont che non sto utilizzando da un po’.
All’epoca scansionavo in jpg, senza il telaio dello scanner (beata ignoranza) e lasciavo un bordino che qui non è del tutto sbagliato.

Standard
digital, infrarosso, nikon d3100

Le rovine della moderna Roma

calatrava-1

Questa rovina risale all’epoca Veltroni, è visibile da lunghe distanze data la sua altezza (circa 70 mt) e fu progettata da un certo Santiago Calatrava.
Faceva parte di un complesso molto più grande con una seconda vela piscine scoperte e viali alberati.

calatrava-2

Come spesso accadeva all’epoca ci furono problemi economici che protrassero i lavori per anni fino all’abbandono totale. Si partì con una stima di 60 milioni di euro che poi diventarono 120, poi 240. Si parlò infine di 660, ma qui si entra nella leggenda dell’era Alemanno.

calatrava-3

L’impianto doveva, insieme ad altri, essere completato per i mondiali di nuoto del 2009 ma, come poi fu scritto nei libri di storia, si ripiegò sulle già esistenti piscine del Foro Italico risalenti agli anni ’30.

calatrava-4

Negli anni seguenti ci furono alcune proposte di riconversione a giardini coperti o di demolizione dell’intera struttura. Le foto sono state scattate solo qualche settimana fa, questo è quindi il suo stato ai giorni nostri.

calatrava-5

Avevo già pubblicato un paio di scatti sulla “vela” o “pinna di squalo” fatti con la Rolleiflex qui qualche tempo fa.
Quelle che vedete in questo post invece sono foto digitali in infrarosso, scattate con l’ormai fidatissima D3100 riconvertita.

calatrava-7

Standard
film, mamiya 645J, panoramica

Il progetto Mamiyapan

mamiyapan

Da sempre ho un debole per il formato panoramico. Sarà per lo sviluppo orizzontale dell’immagine che costringe a “leggerla” scorrendo da un lato all’altro e gli fa perdere l’immediatezza a cui spesso siamo abituati o semplicemente per l’appeal più cinematografico.

mamiyapan

Fino  ad ora per ottenere panoramiche mi sono affidato al montaggio di più foto per il digitale (photo stitching) o alla Horizont con obiettivo rotante. Entrambe le soluzioni hanno dei limiti più o meno castranti: lo stitching si affida al calcolo del software quindi non sempre fa centro sui dettagli e l’obiettivo rotante odia visceralmente i raggi di luce e l’orizzonte non in bolla.

mamiyapan

La soluzione può quindi essere una fotocamera analogica panoramica ad obiettivo fisso, ce ne sono diverse tra cui l’Hasselblad X-Pan. Mooolto bella sia chiaro ma anche costosa e non priva di punti deboli.

mamiyapan
Dopo varie letture sui forum ecco l’illuminazione: comprare un bel grandangolo per la Mamiya 645 e tagliare il medio formato per ottenere la foto panoramica. Cosi facendo il negativo sarebbe comunque abbastanza grande e si eviterebbero gli inconvenienti di cui sopra.   Ho acquistato un Sekor 45mm  e infilato due rettangolini di carta sotto il prisma del viewfinder per vedere dal mirino l’area in versione “panorama “, et voilà è nata la Mamiyapan.
Spese ridotte, stessa fotocamera e possibilità di decidere a posteriori se tenere il formato 4/3 o tagliarlo. Gli scatti saranno comunque 16 per il rullo 120.

mamiyapan

A questo punto la difficoltà sta tutta nel ritaglio e nella composizione fatta in post. Per adesso mi sono tenuto su scatti geometrici più “facili” da gestire ma mi rendo conto che questo esercizio sarà buona cosa anche per tutti gli altri formati.
Il crop è una eresia totale per i puristi, io non sono purista ergo croppo quanto e quando voglio.

mamiyapan

Le foto che vedete sono prese solamente da un paio di rullini perchè in realtà la controindicazione maggiore è che la mamiya rimane un macchinone da portare dietro, con il paraluce del 45mm poi sembra più una cinepresa che una fotocamera!

mamiyapan

Standard
film, horizont, panoramica

Suicidio panoramico

Lomo 100 (R09 +Ilford rapid fix)

Solamente pensare di fare un post con delle immagini panoramiche su questo blog mi fa venire il mal di testa, ne ho pubblicati un paio in passato e mi avevano scoraggiato…un blog impaginato in questa maniera le fa diventare minuscole e non gli rende giustizia.
Da qui il titolo.

Lomo 100 (R09 +Ilford rapid fix)

Ultimamente mi sto innamorando di nuovo del formato panoramico, stavo valutando l’acquisto di una x-pan ma poi ho desistito pensando che avrei potuto fare più o meno la stessa cosa tagliando un medio formato e quindi risparmiando una valanga di soldi.
Sto partorendo quindi in questo periodo la Mamiya-pan, ma ne parlerò in un’altra occasione.

Lomo 100 (R09 +Ilford rapid fix)

Come già avevo accennato in questo post, sono il felice possessore di una Horizont con la “t” finale, fotocamera a obiettivo rotante che sforna foto 24×58 su rullino 35mm classico. La foto ha quindi un angolo di 120°.

Lomo 100 (R09 +Ilford rapid fix)

Quelle che vedete sono state scattate tutte con questa bellissima macchina.
Con l’ingranditore per il medio formato ne ho anche stampata qualcuna e sono molto soddisfatto, le panoramiche stampate sono stupende!

Lomo 100 (R09 +Ilford rapid fix)

Ci sono però alcuni limiti alle fotocamere con obiettivo rotante ed è il motivo per cui sto allestendo la Mamiya-pan.
Primo su tutti è il sole nell’inquadratura: da evitare assolutamente, l’obiettivo ruotando fa dei casini inauditi con i raggi diretti e nel 90% dei casi esce fuori qualcosa di ignobile.
Altra limitazione è la mancanza di messa a fuoco, ma alla fine ci si fa l’abitudine e si pensa solo a scattare!

Lomo 100 (R09 +Ilford rapid fix)

Ma in fin dei conti se vi capita tra le mani una Horizont con la “t” siete fortunati perchè è un aggeggio particolarissimo che con qualche accorgimento può portarvi nel mondo delle panoramiche.

Lomo 100 (R09 +Ilford rapid fix)

Occhio a rimanere in bolla durante lo scatto!

Standard
digital, infrarosso, nikon d7000

Roma oggi (in infrarosso)

infrarosso-roma-1

Potrebbe sembrare la nuova campagna pubblicitaria per il Gay Pride 2015 e invece sono scatti in infrarosso fatti oggi, in digitale. Presi dalla fotocamera di solito sono usati in bianco e nero  oppure invertendo i canali su photoshop può saltare fuori qualcosa simile a questo.

infrarosso-roma-2

infrarosso-roma-3

infrarosso-roma-1-2

infrarosso-roma-5

Dato l’orario di pubblicazione dovrei rititolare “Roma ieri”, ma non lo farò.

Standard
digital, fotografia notturna, nikon d7000

Guida galattica per fotografare le stelle (cadenti e non)

stelle-1-3
Ho fatto una piccola ricerca e ho scoperto che fotografare le stelle o la via lattea non è  difficile come sembra: bisogna seguire qualche regola e armarsi di pazienza. Tanta.

Innanzitutto è fondamentale la scelta della location. I risultati migliori si hanno in punti in cui c’è poco inquinamento luminoso:   la montagna da grandi soddisfazioni.

stelle-2
Un bel grandangolo luminoso è consigliato visto che bisognerà scattare a diaframma aperto per ridurre i tempi di posa ed evitare le “star trails” (scie).

La reflex dovrà essere spinta ad altissimi ISO quindi una macchina full frame è l’ideale per contenere il rumore. Questi scatti sono stati fatti con minimo 1250 e massimo 2500 ISO, per un uso sul web delle foto non ci sono problemi…ma dubito che arriverò a stamparle a grandi dimensioni!

stelle-3-2
I tempi di posa dipendono dalla vostra ottica (apertura max) e dal corpo macchina (il valore ISO scelto), come riferimento posso dirvi che io con un sigma 10 mm (su APS-C) a 3,5f  con 1600 ISO ho scattato con tempi intorno ai venti secondi. Guardando l’immagine al 100% della grandezza si notano delle piccole scie (le stelle corrono anche se non sembra) ergo bisogna scattare con tempi anche più brevi: 10/15s se possibile. Le scie aumentano con l’aumentare della focale, più spinto è il grandangolo più le stelle stanno ferme!

stelle-4-2
Ovviamente serve un cavalletto per avere stabilità e fermare la macchina e se volete anche un telecomandino per lo scatto remoto, altrimenti ci si può affidare al buon vecchio autoscatto (cosi si evita di toccare e far vibrare il corpo).
Un bel cielo sereno aiuta, ma in linea di massima qualche nuvola non da troppo fastidio.

stelle-5-2
Ultimo consiglio: scattare in RAW in modo tale da poter aggiustare il bilanciamento del bianco in un secondo tempo.
Molti dicono di impostarlo su daylight ma con me non ha funzionato!

Buone nottate al buio.

Standard