film, holga

Holga, mi sei mancata.

Ho scoperto che nei nove anni di attività di questo blog ho pubblicato solo un post contenente fotografie scattate con la Holga.
Molto strano.
L’ho comprata nel 2007 e nel corso degli anni l’ho usata parecchio anche per sperimentare soluzioni “fai da te”.
Ho anche dimenticato di fare la sua recensione obsoleta, che mancanza. Rimedierò.

I just discovered that in nine years I published only one post with Holga photos on this blog.
And this is really strange.
I bought this camera in 2007 and I used it a lot, also to experiment with some “do it yourself” solution.
This blog also misses a review about this camera, I’m sorry. I will plan it now.


È sempre un piacere usarla, anche le aspettative sono diametralmente opposte rispetto alla qualità Rolleiflex da me tanto decantata. Qui la plastica regna sovrana e restituisce scatti sognanti, con vignettato drammatico e sfocatura nelle zone periferiche dell’immagine.

I really love using this camera, even if the feeling is totally different from my beloved Rolleiflex.
Here it’s all about plastic and the photographic results are dreamy, with a dramatic vignette and periferic blur.

Standard
film, lc-a

La seconda vita di una LC-A

Nel novembre 2017 ero a San Pietroburgo e sono tornato al mercatino Удельная “Udelnaya”, uno posto splendido della periferia pietroburghese dove acquistare cose vissute.
Un venditore di fotocamere aveva buttato alla rinfusa in un cesto diverse fotocamere rotte a prezzo scontato, ho dato uno sguardo e ho deciso di acquistare questa ломо лк-а (Lomo LC-A) insieme ad una смена (Smena 35). Se non ricordo male ho pagato circa 240 rubli ogni fotocamera, vale a dire 3,5 € cad.

In November 2017 I was in Saint Petersburg and I went for the second time to Удельная “Udelnaya” market, a beautyful place in the suburbs where you can buy old stuff. A seller had, outside of his door, a basket full of old broken cameras at really low prices. I bought this ломо лк-а (Lomo LC-A) togheter with a смена (Smena 35) for only 240 rubles, if I remember well, something like 3,5€ each.

La Smena si è rivelata effettivamente inutilizzabile, la parte frontale con l’ottica e l’otturatore sono completamente andate, rimarrà sullo scaffale come cimelio. Il problema della LC-A è diverso: manca un gancio al coperchio sul retro che non si può quindi chiudere. Qui entra in gioco il nastro isolante che vedete nelle foto.
Dopo aver inserito le batterie, ho sigillato con il nastro il coperchio e ho scoperto di aver comprato una fotocamera perfettamente funzionante.
Il modello di produzione cinese commercializzato attualmente da Lomography può essere acquistato a partire da circa 250€.

The Smena is unusable, the lens/shutter group is damaged, so it will rest on the shelf as a souvenir. The LC-A issue is different: the clasp is missing on the film door so it’s impossible to close the back. That’s why you see electrical tape decorating the camera in the photos.
After placing the batteries and sealing the door with tape, I realized that I had in my hands a full working camera.
You can actually buy the Lomography – chinese version starting from around 250€.

La storia di questa fotocamera si intreccia con quella del marchio austriaco, ne avevo parlato qui. Per non ripetermi mi limiterò a dire che la versione che vedete in queste foto dovrebbe risalire al 1988, è stata prodotta nello stabilimento Lomo di San Pietroburgo e il suo acronimo per esteso è Ломо Компакт-А ossia “Lomo Kompact-A”. Si tratta di una copia, ben riuscita a mio parere, della “Cosina CX”.
Stiamo parlando di una 35mm dalle dimensioni ridottissime, è veramente comoda da portare in giro e ha una lente Minitar grandangolare da 32 mm con apertura massima da f2,8.
Funziona in priorità di diaframma, non è possibile selezionare i tempi ma si può scegliere tra un intervallo f2,8 / f16 e A di “Automatico” (foto 4).
La messa a fuoco è a stima e la levetta può selezionare da 0,8 mt a infinito con i passi intermedi di 1,5 mt e 3 mt (foto 5) .

I already wrote about the history of this camera here, and about why it’s tied to the austrian brand. I don’t want to repeat myself so I will talk only about the camera. This should be a 1988 version made in Saint Petersburg Lomo factory. The acronym stands for “Ломо Компакт-А”,
translitterated “Lomo Kompact-A”. The camera is a copy of the “Cosina CX”, a good one in my opinion.
It’s a really small 35mm camera and it seems designed to be carried around everyday. It has a wide Minitar 32 mm lens with a maximum aperture of f2,8.
It works with aperture priority so it’s not possible to set the shutter speed, however you can choose in the range of f2,8 / f16 and A for “automatic” (photo n° 4). The camera works on scale focusing, there’s a lever with which you can choose 0,8 mt, 1,5 mt, 3 mt or infinity (photo n° 5).

Le leve del diaframma e della messa a fuoco si trovano ai lati della lente, a sinistra del mirino galileano c’è una rotella per la selezione della sensibilità della pellicola. Non in ISO o ASA ma in GOST.
Sulla parte superiore si trova l’alloggio per il flash, la leva per riavvolgere la pellicola, il pulsante di scatto e la finestra del contapose. Nella parte inferiore invece troviamo il pulsante per il riavvolgimento e il meccanismo per aprire le tendine della lente e del mirino (foto 1- 2). Aprendo o chiudendo il meccanismo in questo modello notiamo la chicca: la scritta a scomparsa “made in USSR” (foto 6).

Focus and aperture levers are on either sides of the lens, up on the left side near the sport viewfinder there’s the small GOST selector (the soviet equivalent fot ASA or ISO). On the top we find the hot shoe, the rewind knob, the shutter release button and the little window for the frame counter. The bottom of the camera accomodates the release button to rewind the film and a little slider that opens and closes lens and viewfinder (photos 1-2). When you do it, on this model, you can find a little treat: “made in USSR” text appears and disappears in front of the lens
(photo n° 6) .

Risolto il problema del coperchio ho iniziato a scattare. Questa fotocamera è comodissima, leggera e silenziosa, le immagini che produce hanno quel gradevole decadimento agli angoli, o vignettatura, e colori saturi. L’esposimetro interno che gestisce la priorità di diaframmi è abbastanza affidabile (nel mio caso) e rende ancora più rapido il processo di scatto.
In conclusione sono stato decisamente fortunato e ho potuto scoprire così una fotocamera divertente, da portare a spasso, discreta, con una predisposizione naturale per la street photography.

As soon as I solved the film door problem I started shooting. This camera is lightweight, comfortable and quiet, it gives to the image the lovely light decay on the corners, the so-called vignette, and saturated colors.
The internal exposimeter is reliable and manages well the shutter in my opinion. This speeds up all the shooting process.
At the end I was very lucky to discover this fun, portable, discreet camera almost for free and it’s perfect for street photography.

Qui trovate informazioni dettagliate sui vari modelli e le loro differenze.

Here you can find useful informations about the different models of this camera.

Standard
digital, nikon d7000

In pellegrinaggio alla LOMO

lomo-1

Due anni fa tornato da San Pietroburgo ho scoperto che avevo mancato un obiettivo clamoroso: la fabbrica LOMO.
Per anni non avevo collegato che si trattava dell’acronimo di “Leningradskoye Optiko-Mekhanicheskoye Obyedinenie” ossia  qualcosa come “associazione ottico-meccanica di Leningrado”, da qui la mia mancanza.

//

Two years ago I came back from a trip to Saint Petersburg and I realized that I missed a fundamental point of interest: the LOMO factory.
For years I ignored that LOMO means “Leningradskoye Optiko-Mekhanicheskoye Obyedinenie” (Leningrad Optics & Mechanics Amalgamation) and that was  the problem.

lomo-2

Oggi nel ridente stabilimento in Chugunnaya Ulitsa si continuano a produrre microscopi, telescopi e apparecchiature mediche.
Non mi è molto chiaro quanto oggi la LOMO russa sia imparentata con la Lomographische AG austriaca che detiene il marchio “Lomography”. Fino a ieri avrei detto che non avevano niente a che spartire, ma ho poi scoperto il fantastico sito in flash lomo.ru. Qualche relazione con la “Lomography entertainment” deve esserci visto che nella home c’è anche il link a lomography.com.

//

Today in Chugunnaya Ulitsa the factory produces microscopes, telescopes and medical devices.
It’s not clear to me how russian LOMO is related to austrian Lomographische AG (who owns the “Lomography” trademark). I always thought that was only a name-tribute to the camera maker, but than I discovered the fabulous flash website lomo.ru and there’s a link in the homepage wich points to lomography.com. 

lomo-3

Dal 1995 fino al 2005 qui era ripartita la produzione della LC-A, grazie a delle negoziazioni con l’allora vice-governatore di San Pietroburgo Vladimir Putin.
La grande richiesta registrata a partire dal ’91 era dovuta a due studenti austriaci che, ispirati da questa fotocamera, crearono il movimento oggi conosciuto come “Lomography”.

//

From 1995 until 2005 this factory re-started LC-A camera production after negotiations with the vice-mayor of Saint Petersburg Vladimir Putin.
Requests for this camera were growing since 1991, after the founding of the “Lomography” movement made by two austrian students fascinated by LC-A.

lomo-4

Fondata nel 1914 nell’allora Pietrogrado, con non so quale nome, venne riorganizzata diverse volte e divenne anche GOMZ “Gosularstvennyi Optiko-Mekhanicheskii Zavod” (azienda ottico-meccanica statale) nel ’32.
Negli anni sovietici è stata una delle aziende più importanti e segrete dell’unione ed è arrivata ad impiegare fino a 30.000 lavoratori. Ha collezionato nella sua storia tre “ordini di Lenin” che ora campeggiano sopra l’ingresso della fabbrica.

//

The factory was founded in Petrograd in 1914 – I couldn’t find the original name – and was reorganized several times. His name even changed to GOMZ “Gosularstvennyi Optiko-Mekhanicheskii Zavod” (State Optical and Mechanical Factory) in 1932.
In the sovietic era was one of the largest and most secret company of the Union and employed over 30.000 workers. In his history LOMO collected three Orders of Lenin, now visible above the main entrance of the building.

lomo-5

A parte la LC-A, LOMO ha prodotto negli anni apparecchi “pop” notevoli come la Lubitel e la Chmena.  Caratteristiche principali: essenzialità, resistenza e basso costo di produzione.
Ho potuto solo passeggiare intorno l’edificio, sapevo anche di un piccolo negozietto con microscopi e rimanenze che però non sono riuscito a trovare.
Sarà per la prossima volta.

//

A lot of russian “pop” camera were produced here, like Lubitel or Chmena. Typical of these devices are simplicity, solidness and low-cost production.
I just walked around the factory, I remember I heard rumors about a little shop with few microscopes and unsold stock but I couldn’t find it.
Maybe next time I’ll be more lucky.

lomo-6

Standard